CI SCRIVE FORICCA: UNA NUOVA IMPORTANTISSIMA SCRITTA NURAGGICA

Caro Boicheddu,

non ci conosciamo personalmente, ma spero che questa mia sia finalmente occasione di un incontro ravvicinato con te.

Sono la ex moglie di Peppi Mungetta, Foricca, con lo quale nonostante la divisione dei beni in parti disuguali, sono rimasta in ottimi rapporti.

Isse mi ha parlato molto bene di te. Ora che io e Peppi siamo divorziati , mi vuole più bene di prima, e sigomente non devo più badare né a lui né alla casa, ma solo alla metà del gregge che mi è toccata, quando porto le lumache al pascolo mi rimane del tempo libero e penso.

Più che altro passo questo tempo a controllare accuratamente i recessi più reconditi delle froge. Che però sono solo due e finiscono presto anche se una volta sono arrivata fino alle trombe di Falloppio.

Però, mentre intenta sono a questa attività, le lumache mi guardano preoccupate: forse secondo loro non è una pratica sana.

Quattro giorni fa , mentre stavamo andando al pascolo si sono riunite in un unico mucchio e dopo un po’, lentamente si sono sparse un po’ qua e un po’ là. E fin qui tutto normale. Poi però hanno iniziato ad infilarsi sotto un ammasso informe di pietroni e anche sotto delle ondulazioni di terra smossa di fresco che non avevo mai notato.

Io correvo di qua e di là cercando di radunarle ma appena riuscivo a metterne insieme un paio, si sdongiavano una con l’altra a rischio di rompersi l’esoscheletro con la radula di fuori!

Però, sigomente erano coperte di bava, partivano per la tangente con effetto spiralato a tipo biliardo.

Dopo un po’ , mi sono stancata di inseguirle e mi sono seduta.

Un’oretta prima del tramonto hanno cominciato a sfilarmi davanti, ed ognuna reggeva tra i cornini un coccio tutto graffiato.

Mi avvicino per vedere meglio, e le lumache prima si dispongono a semicerchio con altre a formare una protuberanza allungata nella parte convessa del suddetto semicerchio. Poi, vedendo che ancora non capivo, si dispongono a formare la scritta “Peppi” e una freccia che puntava a Nord- Est.

Al che finalmente capisco e ci avviamo verso l’abitazione del mio ex marito.

Arriviamo verso le tre e mezza, ed io so che a quell’ora Peppi è in piedi ad effettuare la prima mungitura del gregge.

Quando mi vede : “E tu qui a quest’ora?” ed io : “Ih! Mì, le lumache così e così.” “Essu! E adesso come facciamo con tutti questi cocci? Bisognerà portarli correndo da Boicheddu, mi aveva detto che conosce un professore che sa tutto sui cocci graffiati.

Bisogna fare presto, perché il professore sta conferenziando ovunque, ched’è richiestissimo. Però uno me lo tengo che voglio provare la ricetta lasciata da una tipa con un groviglio giallo in testa e un perizoma rosa che regge una rotella.”

“Ah, e a me non me la dici la rigetta?” “Emmo. Bisogna prendere il coccio più graffiato, poi bisogna

triturarlo finemente in polvere che andrà sciolta accuratamente in acqua bollente. La soluzione deve riposare tre giorni , poi si butta via l’acqua e nel deposito sul fondo del recipiente, se il coccio iniziale era sufficientemente graffiato, fluitato e/o burattato, alle volte esce una scritta.”

In conclusione, oggi è il quarto giorno dopo l’esperimento ed effettivamente una scritta c’è.

Ti mando la foto che ho fatto per sicurezza in allegato, anche se è un po’mossa. La scritta dice:

 

POST 1010 CI SCRIVE FORICCA UNA NUOVA IMPORTANTISSIMA SCRITTA NURAGGICAO G G I G G I

B E S S (?) N D I

D E (?) S C (?) L L O N (?) S

 

Peppi ti saluta e vorrebbe sapere se possiamo venire stasera verso le circamenoquasi a portartene il resto dei cocci così tu poi li dai al professore che conosci tu, che ci avevi detto che sta sempre cercandone.

Peppi mi ha detto che dopo che ti lasciamo i cocci mi porta a cena!

Fammi sapere immantinente, che Peppi è in pressa per il dopo cena.

 

Tua, in fede

Tremoliggia Foricca

 

Cara Tremoliggia Foricca,

la tua è una scoperta strepitosa! Avendo seguito, e pagato, i corsi tenuti da famoso profeSSore, credo

di poter dire che si tratti del tetragramma sardo biodegradabile ripetuto tre volte. Purtroppo non sono in

grado di completare l’epigramma perché non riesco a immaginare quali potrebbero essere i

criptocoprogrammi mancanti. Ho provveduto a inviare la foto al profeSSore che di certo

provvederà ad un’interpretazione migliore della mia.

Via spetto tutti: tu, Peppi e le lumache.

Tuo

Boicheddu

 

boicheddu.segurani@virgilio.it  

1010

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in ArcheoloGGia, Puro cazzeggio, Scrittura NuraGGica e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a CI SCRIVE FORICCA: UNA NUOVA IMPORTANTISSIMA SCRITTA NURAGGICA

  1. poseidonia ha detto:

    Grandissimi come sempre, credo che questa sia la più grande scoperta degli ultimi 50 anni! E l’epigrafe, sebbene in protocananeo e fenicio superarcaico con una serie di agglutinazioni, finalmente è di senso compiuto/buon senso!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...