UN GIORNO CAPITA

Un giorno capita che scendi per strada e c’è qualcuno che ti aspetta.

Un giorno capita che ti prendono per il bavero della giacca e ti affibbiano due sberle.

Un giorno capita che hai paura e smetti di parlare. Perché le sberle fanno male, ma le minacce sono peggio e non ti fanno vivere.

Cambi casa, abitudini, ti guardi troppo spesso dietro le spalle.

Vivi.

Un giorno capita che uno stronzo razzista, finalmente, finisca nello scarico del cesso e speri che facciano scorrere l’acqua per eliminare la puzza.

Quasi quasi diventi credente e pensi che una giustizia divina, dopotutto, potrebbe anche esistere.

 

Se non si fosse capito, ArcheoloGGia NuraGGica riprende le pubblicazioni!

 

Desi Satta – dsatta@katamail.com

1000

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in ComunicaZZioni. Contrassegna il permalink.

3 risposte a UN GIORNO CAPITA

  1. sisaia ha detto:

    Bentornata! 😀

  2. TETRAGRAMMA SARDO ha detto:

    MOLTO bene!

  3. pierluigi montalbano ha detto:

    Santi ispiratori…buon 1° Novembre a tutti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...