LA PUGNA TRA MANICHEDDA E STOCHINO… O LA PUGNETTA?

di Gabriele Ainis

 

Maninchedda a Stochino si funti scuttus, se le sono date, mì. Che notizia! Peccato non conoscere i particolari erotici: si saranno presi a schiaffi, a bucciconis a facci, a zugate, a ghinghe? Cos’è che ne hanno fatto, si sono presi a colpi di borsetta rovinandosi la riga di cacharel?

Non si sa e in fondo non è che sia così importante, perché la notizia sarebbe che i nostri rappresentanti regionali hanno votato una leggina per annullare, di fatto, gli effetti del referendum regionale sull’abolizione delle «nuove» province. Giustiziate dai voti, sono risorte come Lazzaro,

 anche dopo i canonici tre giorni (sai la puzza!). E poi c’è chi non crede ai miracoli di Lourdes, ai riti del mago Otelma, alle apparizioni di Medjugorie e alle stimmate di Padre Pio: razza di eretici materialisti, brutti stronzi atei e miscredenti, che la maledizione di Antoni Simon Mossa e l’anatema di Giommaria Angioy cadano su di voi! Domani l’assemblea si trasferisce a Cabras e moltiplica muggini e civraxiu, così imparate tutti e ricordatevi che la merka non ve la fanno neppure fragare di lontano perché se la pappano tutta loro! (Non che sia una novità, certo, ma almeno siete avvertiti tutti quanti: merka, nisba! Al massimo una spigoletta d’allevamento, quelle tutte uguali che sono fatte con lo stampo e sanno di plastica, quando va bene!)

Per fortuna c’è Maninchedda che, dimentico delle busse e a sprezzo del pericolo, pubblica sul proprio (pessimo) blog l’intervento epocale che lo farà ricordare ai posteri come quel coraggioso tribuno della plebe che è!

Cosa ci dice?

Un belino di niente, come suo solito: che votare la legge di proroga delle province è sbagliato e che «I termini della lotta politica in Sardegna sono attraversati da correnti neofasciste, che stanno montando e diffondendo odio, disinformazione.»

Ma dai! Bravo Manichedda, bentornato sull’Isola! Dov’era lei, gentilissimo intellettuale prestato alla politica, negli ultimi anni: su Marte assieme a Pili per la promozione dei mattoni sardi? Non è che per caso, passando per sbaglio da queste parti, ha dato supporto alla giunta Cappellacci? Che ha fatto parte e fa parte tutt’ora della maggioranza che governa la Regione? Oppure sta in maggioranza a sua insaputa? Non glielo hanno ancora detto?

Mi spiace, perché un politico valido come lei dovrebbe essere maggiormente informato su ciò he fa, però se nessuno glielo dice, paboritteddu, come fa poi a scagliarsi per bene contro l’esecutivo che ha sostenuto fin dall’inizio per puro spirito di servizio?

Certo, ci sarebbe da domandarsi al servizio di chi, perché l’amministrazione Cappellacci (sostenuta anche da lei) verrà ricordata come un esempio unico di malgoverno della Regione, che annaspa in una crisi senza precedenti in mezzo all’incapacità di persone tanto lontane dalla realtà da non rendersi neppure conto se si trovano in maggioranza o all’opposizione, se stanno a destra o a sinistra, se sono intellettuali o politici, pollettuali o intelitici, forse troppo occupati a pensare a faccende di importanza fondamentale come le fiche nella Carta de Logu…

Ops!

Che fa, Maninchedda, trova che questa descrizione si attagli a qualcuno di sua conoscenza? Oppure vive con sé stesso a sua insaputa così come a sua insaputa sostiene Cappellacci, quindi non si riconosce?

Sarei portato a pensare «la seconda che ho detto»(*) perché si stenta a pensare che un uomo politico possa davvero credere di prendere per i fondelli i cittadini in questa maniera. Anzi un «inutile» uomo politico, tanto per essere precisi, uno che non ha la minima idea della situazione reale dell’Isola e si diverte a travestirsi da Machiavelli come se un pollo, cambiata qualche penna, potesse davvero diventare un’aquila!

Si darebbero due casi (in realtà almeno tre, ma uno preferisco non citarlo): o lei stava davvero su Marte, quindi non si capisce perché i sardi dovrebbero pagarle lo stipendio, oppure stava da noi e non ha capito un cazzo di quello che è successo in questi anni di Cappellacciate, altra buona ragione per raccomandarle di ritornare a far danno solo sul Bollettino di Studi Sardi, che per la rilevanza scientifica, grazie alla sua illuminata direzione, potrebbe essere stampato su dieci piani di morbidezza.

Comunque sia, si spera che ve andiate presto a casa, così non sarà più obbligato alla pugna contro il perfido Stochino, anche se per quello che fate sarebbe più opportuno parlare di pugnetta.

Ah, e poi dovrebbe anche sciogliere un dubbio atroce: come mai sul suo blog compaiono solo i commenti che parlano bene di lei? Non mi dica che non ha il coraggio di pubblicare chi la considera un poverino attaccato alla cadrega col Bostik e glielo dice apertis verbis… sa, giusto perché lei parla di disinformazione…

Ma forse avviene anche questo a sua insaputa, assieme alla moltiplicazione dei muggini e del civraxiu, perché un santo come lei, che si immola per il Suo Popolo è capace dei miracoli più eclatanti: moltiplicazione dei muggini e sparizione dei commenti! Alla faccia della Sardegna e della Libertà.

Ah, dimenticavo: con gente come lei non si può pensare altro se non che qualunque altra cosa è meglio, anche Grillo, che non ha bisogno di fondi pubblici perché la campagna elettorale gliela fate voi: lui si limita a raccogliere, e qui ci starebbe bene una citazione dal vangelo, qualcosa che parla di pesca e pescatori.

 

gabriele.ainis@virgilio.it

399

(*) Ah, la religione di Quelo!

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in PoLLitica e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a LA PUGNA TRA MANICHEDDA E STOCHINO… O LA PUGNETTA?

  1. Efisio ha detto:

    Concordo su tutto. Maninchedda in questi anni ha detto tutto e il contrario di tutto, ha acceso una candela al diavolo e l’altra a sant’Antonio, ha cambiato mantello secondo come soffiava il vento, ha sfidato il mondo facendo credere che fosse in torto la realtà…Tanto pagano i contribuenti sardi. Ma è credibile uno che è all’opposizione anche di se stesso e vittima della sua ambizione?

  2. Antonio ha detto:

    ——— Efisio, non usi nick diversi. Se vuole commentare è libero di farlo ma non c’è bisogno di usare questi metodi. ———–

    BS

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...