DUE RIGHE DI BUONSENSO

di Boicheddu Segurani

 

Diciamo le cose come stanno: ci sono dei fantablogger che espongono in bella vista un contabuoi come succedaneo di ciò che (forse) un tempo rendeva loro un dignitoso servizio. Immagino che vedendo crescere i clik, visto che altro ha cessato da lungo tempo di farlo (se pure è mai accaduto) si sentiranno appagati e non saranno affranti dalla nostalgia.

Il funzionamento dei contabuoi è noto a tutti, ad esempio se un bue fedele si collega cinquanta volte al dì, prima e dopo i pasti (certuni anche durante) esso contatore registrerà pedissequamente cinquanta click, così come, se putacaso ci sono dieci cretini che si parlano reciprocamente addosso, il conto è presto fatto: cinquecento contatti giornalieri! Dunque non cinquecento lettori di un articolo, ma dieci pirla perditempo che continuano ad occupare mattine e pomeriggi adoperando il dito (sul topo, maschio, tanto per chiarire ciò che si intende; chiunque sospetti altri sottintesi può rivolgersi a siti culturalmente più elevati, ad esempio youporn) e menando il torrone attorno a questioni spesso stupide e prive di qualunque significato.

Perché questa premessa?

Perché ci sono un buon numero di scemi che continuano a scriverci minacciando di non leggere più il nostro bLLog qualora non la piantassimo con gli insulti (così loro chiamano i nostri commenti), e costoro dovrebbero appunto capire, proprio dalla premessa, se ancora non l’hanno fatto, che non siamo eccessivamente interessati ai contabuoi, dunque nemmeno ai buoi.

Prima di tutto non si tratta di insulti, bensì di un nostro parere e, secondariamente, non si capisce per quale motivo dare dello scemo a un qualcuno che invia commenti di questo tenore sia da considerare un’offesa.

Al massimo dovrebbero offendersi gli scemi!

Per quale motivo si dovrebbe leggere un bLLog se lo si considera una fonte di stupidaggini? Ma soprattutto: per quale motivo incaponirsi a mandare commenti che non avranno evidentemente alcun effetto? Davvero questi… questi… come chiamarli, questi signori, via, ché un signore non si nega a nessuno, ritengono che inviando insulti anonimi si possa modificare il pensiero di un piccolo gruppo di persone che cazzeggia in rete?

Dar loro dello scemo appare più che altro un complimento, perché bisognerebbe adoperare termini più forti, ad esempio coglionazzo, che potrebbe anche essere considerata un’ineguagliabile sintesi di testicolo e testa di …

Ma non divaghiamo, ché altrimenti si corre il rischio di trasformare un post in una lunga premessa, e non è il caso.

Non ho intenzione di spiegare per quale motivo ci è capitato di aprire il bLLog e continuare a postare i nostri articoli: l’abbiamo detto una volta e non mi pare il caso di ripeterlo. Soprattutto non si capisce per quale motivo si dovrebbe ancora una volta reiterare ciò che appare scontato a chiunque abbia un minimo di comprendonio, non dico tanto, ma appena un pochino, una briciola, un’unghia, un granello.

E gli altri?

Ma gli altri non ci interessano e non ci riguardano: come si potrebbe pensare che il nostro scrivere sia indirizzato a coloro che consideriamo stupidi? Forse che siamo preti costretti da una tenebrosa religione a trasformare in credenti tutti gli appartenenti al genere umano? Certo che no, tutt’altro, non ci sono peccatori da redimere né eretici da riportare sulla retta via (o bruciare sul rogo, i roghi li lasciamo volentieri ai razzisti shardariani, e meno male che si tratta, sinora, solo di roghi virtuali, ma vai a sapere in futuro).

E ancora: per quale motivo incaponirsi ad usare proxy sempre più esotici (l’ultimo dalla Groenlandia era particolarmente bizzarro) se i commenti vengono comunque cestinati ed in ogni caso non ci interessano i loro autori? (Per la verità cestinati no, stiamo raccogliendo un archivio e non è detto che un giorno  o l’altro non costituiscano un bel monumento alla stupidità umana!)

Pertanto si consideri:

– che non siamo geneticamente predisposti alle crociate, sebbene qualcuno finga di crederlo (o almeno pensiamo che si tratti di finzione, non è possibile che ci siano degli scemi così tanto scemi);

– che non aderiamo al politically correct: per noi gli idioti tali sono e tali restano, e poiché rispettiamo anche loro continueremo a chiamarli in codesto modo senza per questo farcene un problema;

– che continueremo a parlare di ciò che piace a noi e non di quello che piace ad eventuali, virtuali, potenziali lettori, visto che noi non abbiamo bisogno di dimostrare nulla, ben consci che il nostro pubblico (così come il nostro privato) è costituito dai tre lettori istituzionali;

– che siamo anche poco interessati a coloro che brigano per toglierci la parola e si agitano, andando virtualmente a spasso per il web (ma anche nel mondo reale, sia ben chiaro) chi con le carote piantate nel sedere, chi con tacchi a spillo, chi con il boa di struzzo al collo, tutti impegnati a ritagliarsi un ruolo da clown per dimostrare a sé stessi di esistere, nello strenuo sforzo di ritagliarsi una claque.

In definitiva: Vati (Sommi e non), archeoastroscemi, fantarcheologi da strapazzo, Stelle Varie ed Eventuali, pseudoricercatori di vario sesso e qualità (di solito bassa), pseudoqualcosa travestiti da pseudoaltro, travestiti tout court, pseudoscrittori, pensionati vari, attuali ex- (che però spesso ci sono nati) e infine Popolo dei Groupies: non vi piace ciò che scriviamo?

Non amate essere garbatamente (si fa per dire) presi per i fondelli?

Fate finta di ignorarci per poi farci mandare le lettere dalle ML automatiche perché, in fondo in fondo, restiamo nel vostro amabile cuoricino e non sapete fare a meno di noi?

Ebbene: fatevene una ragione. Inutile che continuiate a cercare la lite con la Baronia Universitaria, che andiate a cercare l’appoggio di uomini politici inetti, di pseudo indipendentisti da strapazzo o strasavio, che vi sforziate di taroccare petizioni e ragliare a destra e a manca: tutto ciò che vi accadrà di trovare saremo noi, i cazzeggia tori che dicono pane al pane e merda alla merda, ancora e sempre su questo web! Volete risposte? Avrete un cumulo di scoregge!

Contenti?

 

boicheddu.segurani@virgilio.it

189

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Puro cazzeggio. Contrassegna il permalink.

3 risposte a DUE RIGHE DI BUONSENSO

  1. Sisaia ha detto:

    Eh già, egregio Boicheddu, la veridicità di quanto Lei asserisce ho potuto verificarla ieri sera.
    In un forum nel quale occhieggio ogni tanto, un tale ha postato un link all’articolo di Perra.
    Guarda caso, il tal altro non appena ha visto la parola”exxworks” ha dato in escandescenze…il cui sunto è:”un blog dove si insulta a più non posso” .

    Il tale ha messo solo il link al pdf e non ha certo invitato nessuno a leggere il resto del blog.
    Cosa che invece ha fatto il tal altro.
    Avrebbe potuto tacere e sarebbe passato inosservato il resto del blog. Non volendo, vi ha fatto un sacco e mezzo di pubblicità. La cosa mi diverte da morire. Vi ha fatto aumentare i contatti?
    Oppure avrebbe potuto inserire il link all’altro blog dove nessuno insulta…poco.
    Specialmente l’intelligenza di chi scopre le pecche basilari delle “colonne portanti” di tale blog.
    Ed affidarsi al libero arbitrio di chi legge. Ma non lo ha fatto. Chissà perchè.
    Mi spiace solo che mentre stavo per salvare la discussione, mi sia squillato il telefono e nel frattempo la moderatrice ha saggiamente cancellato l’inizio di flame.
    Poco male , so che ricapiterà.
    Eccome.

    Saluti

    • exxworks ha detto:

      Guardi, la caratteristica principale dei razzisti shardariani (mi permetto di lanciare un’ipotesi su chi fosse l’irato lettore) è quella di voler levare la parola a chi non è d’accordo con loro (invocando naturalmente a gran voce la libertà di parola). Cosa vuole, la presenza di lestofanti e cretini è evidentemente necessaria, altrimenti le leggi dell’evoluzione avrebbero eliminato entrambe le categorie.
      Che vuol fare, criticare la selezione naturale?
      BS

  2. Sisaia ha detto:

    Non ci penso neanche! 🙂
    E’ giusto e sano che sia così.
    Però sto cercando di attrezzarmi in maniera da non soccombere agli attacchi.
    E magari rintuzzarli.
    Saluti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...