CRISI DI NERVI SHARDARIANE?

di Boicheddu Segurani

 

Eccolo qua: Il Sommo Vate colpisce ancora.

 

Un aristoratto nella cloaca insieme ad asini e a petomani

Un aristoratto, che come molti nobili ama incanaglirsi in incognito, mi racconta di una recente sua visita a una cloaca in cui un bravo emulo di Fregoli intrattiene gli avventori con le sue trasformazioni repentine. Fa l’asino parlante e subito dopo il vecchio bilioso ciancicante, quindi la signora isterica e poi il pornografo assatanato e ancora il petomane. Insomma riesce a trasformare la sua fogna in un “Ambra Jovinelli” di tutto rispetto, dice l’aristoratto. Avendo gusti raffinati, capisce che la plebaglia si diverta ma ha a che ridire sui testi. Sono giustamente volgari, ma monotoni. Non lo muovi da un chiodo fisso: è tanto ossessionato dalla scrittura nuragica e da chi ne parla da inventarsi dei calambour che, naturalmente, fanno sbellicare gli astanti ma non l’aristoratto che, per non farsi scoprire, scoppia in sonore risate senza capire dove stia l’umorismo. Lo preferisce quando fa l’asino parlante e quando modula inni patriottici con la parte più nobile del suo corpo.

“Ma la vera ossessione” dice “sei tu e il tuo blog. Non passa notte che non si produca nel suo numero preferito; si trasforma in un sorcio Catone e, tra le risate, lancia il suo grido: “Delendum est”. Dev’essere un bravo sorcio, afflitto da manie di persecuzione. Lamenta, per dire, che tu non lo calcoli, che non gli risponda. Ultimamente, certo per provocare una tua reazione, è arrivato a paragonarti a una SS, visto che hai ignorato le altre contumelie. E adesso?”

“Adesso che? caro il mio aristoratto. Vuoi che mi metta a sparare contro gli infermi?” gli ho risposto. “Piuttosto, se ti capita di parlargli, esaurito che abbia il travaso di bile, suggeriscigli di starsene buono nella sua tana e non affidi alla rete i suoi escrementi verbali. Io capisco che le psicosi hanno bisogno di rispetto. Ma mica tutti sono del mio avviso.” (copia-incolla da http://www.gianfrancopintore.blogspot.com)

 

Non male per uno che afferma come il nostro blog sia frequentato da quattro topi scarsi coperti di sterco. La prima ovvia domanda (ricordate “sorge spontanea una domanda”?) è la seguente: ma perché si occupa di noi se siamo un inessenziale, piccolo,insignificante pezzetto di cacca? (Per la verità lo fa fin dall’inizio, ricordate?)

No, oggi la risposta la lasciamo ai poch(issim)i lettori: il sabato deve essere santificato con l’uso del cervello (per chi lo possiede).

Ci permettiamo soltanto un piccolo suggerimento: caro Pintore, lei è molto più divertente quando si illude di scrivere seriamente. L’ironia la lasci a chi la sa praticare, ci fa miglior figura: se il suo scopo è farci sganasciare dalle risate, lo raggiunge splendidamente parlando di Indipendentismo. Per quei lidi non ha rivali!!

 

boicheddu.segurani@virgilio.it

 

PS – Contento della pubblicità? Noi il copia-incolla lo usiamo per i suoi articoli. I suoi adepti per le oscenità. Ci sarà un nesso?

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...